Carrello

usanze e tradizioni nel matrimonio

Le usanze e le tradizioni del matrimonio sono molteplici; derivano dalle diverse epoche e la maggior parte vengono rispettate anche oggi.

L’abito

L’uso dell’abito da sposa bianco risale all’ottocento e rappresenta la verginità e la purezza. Ha sostituito gli abiti colorati del passato; dai gialli ed arancioni, o comunque molto colorati, dell’antica Roma, al rosso del Medioevo e Rinascimento, che si riteneva essere propiziatorio alle nascite.

Il velo

Anche sul velo ci sono diverse tradizioni. Si pensa che gli antichi romani lo introdussero per proteggere la sposa dal “malocchio” del corteggiatore respinto.

O addirittura si fa risalire ai tempi dei matrimoni combinati e il velo della sposa veniva scoperto solo alla fine del matrimonio per evitare ripensamenti da parte dello sposo.

I veli, di solito dello stesso colore dell’abito, possono essere di varie misure.

Veli molto corti, adatti ad un abito con un collo alto.

Veli che arrivano alle spalle, di solito non adatti ad abiti classici o formali.

Veli che arrivano all’altezza del gomito, adatti ad abiti ampi dallo stile romantico.

Veli che arrivano alla vita, adatti ad abiti con lo strascico.

Veli che arrivano quasi al ginocchio, adatti ad abiti lunghi e senza strascico.

Veli lunghi ca. 2,20 mt., adatti agli abiti con lo strascico.

Veli lunghi 3,00 mt. o più, adatti agli abiti più classici.

Gli strati del velo vanno da uno a tre, a seconda dell’abito e della volontà di coprire il viso con un  velo.

Le fedi

Solitamente sono d’oro e all’interno viene incisa la data del matrimonio.

Si portano all’anulare sinistro ma varia a seconda della nazionalità.

Di regola l’acquisto spetta allo sposo ma si usa anche che vengano comprate dai familiari o dai testimoni.

Il testimone dello sposo le custodirà fino al giorno del matrimonio.

In Chiesa verranno portare all’Altare su un apposito cuscinetto porta-fedi, che può essere realizzato con lo stesso tessuto dell’abito da sposa o in stile, o possono essere già poggiate sul banchetto degli sposi all’inizio della Cerimonia.

Il bouquet

Il bouquet deve essere comprato dallo sposo e fatto recapitare a casa della sposa la mattina del matrimonio.

L’usanza vuole che  il bouquet venga lanciato alla fine della cerimonia, verso le donne nubili, e colei che lo prenderà si sposerà entro l’anno.

Le damigelle

Per credenza popolare, le damigelle, vestite sontuosamente come la sposa, servivano a depistare gli spiriti maligni.

Non c’è un limite di numero e devono essere tutte vestite egualmente o dello stesso colore.

Il riso

Per tradizione il riso viene lanciato sugli sposi all’uscita della Chiesa come gesto di prosperità e fertilità, ma a volte vengono anche usati petali di rosa.

La sposa

La sposa per tradizione deve indossare una cosa nuova, una cosa vecchia, una cosa regalata, una cosa prestata e un accessorio blu (che spesso è il nastrino della giarretteria).

Gli sposi

Gli sposi non devono incontrarsi il giorno del matrimonio e lo sposo non deve mai vedere prima l’abito della sposa. Inoltre lo sposo, una volta uscito di casa, non  deve mai tornare indietro, nel caso avesse dimenticato qualcosa, è utile avere un amico nei paraggi per le emergenze.

La tradizione vuole che l’uomo porti in braccio la sposa all’entrata della nuova casa.

La luna di miele

Deriva dall’antica Roma, dove gli sposi alla fine del matrimonio, mangiavano del miele come buon auspicio.

Galateo

Il galateo prevede che le spese del matrimonio siano così suddivise:

  • alla famiglia della sposa spettano: gli inviti e le partecipazioni; le bomboniere e i confetti; l’abito della sposa; il corredo; la chiesa e l’addobbo floreale; gli abiti delle damigelle; l’auto; il ricevimento; il fotografo; i mobili della camera da letto escluso il materasso
  • alla famiglia dello sposo spettano: la casa; l’arredamento con esclusione della camera da letto; il materasso; le fedi; il bouquet; le bottoniere; il viaggio di nozze.

Severamente vietato da parte degli invitati è la classica frase

“Viva gli Sposi”

l'eleganza a roma nord

lo staff